Recensione: La Nausea di Jean-Paul Sartre

Testo- Dopo aver viaggiato a lungo, Antoine Roquentin si stabilisce a Bouville, in uno squallido albergo vicino alla stazione, per scrivere una tesi di dottorato in storia. La sera, si siede al tavolo di un bistrot ad ascoltare un disco, sempre lo stesso: «Some of These Days». La sua vita ormai non ha piú senso: il passato è abitato da Anny, mentre il presente è sempre piú sommerso da una sensazione dolce e orribile, insinuante, che ha nome Nausea. Un romanzo trasgressivo e ricchissimo, sempre attuale, che ci restituisce il disagio del mondo in agonia alla vigilia della Seconda guerra mondiale. Il libro piú libero di Sartre, il piú disinteressato e il piú appassionato insieme.

Scheda Valutativa- Leggendo questo romanzo, ho vissuto il periodo dell’espressionismo francese. Il filosofo Sartre , in questa opera sempre moderna, mette in risalto come la struttura sociale, incidi sulle emozioni del singolo, provocandogli una nausea nei confronti nella vita stessa. Mi sono domandata come mai non avesse utilizzato il termine “noia” al posto di “nausea” e la risposta a questo mio quesito è racchiusa nelle pagine del romanzo stesso: sebbene la “noia” sia un sentimento di passiva indifferenza nei confronti della vita, la “nausea” è un malessere fisico che disorienta e ha bisogno di una medicina per guarire. Medicina che il filosofo Sartre trova nell’arte e nell’amore. Il protagonista attraverso un cammino introspettivo di ricordi legati alla sua ultima relazione con l’affascinante Anny e l’amore per la storia settecentesca parigina, arriva alla consapevolezza che la vita essendo esisteza va vissuta interamente.

Impegnativo ma lo consiglio a tutti coloro che hanno bisogno di respirare libri che hanno segnato la cultura internazionale. Voto 5/5.

Sostienici con una donazione!

Con una piccola donazione è possibile sostenere il nostro lavoro. Grazie

1,00 €

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: