LEGGERE E CONDIVIDERE: SCOPRIAMO INSIEME I GRUPPI DI LETTURA di Mocerino Rita

BookClub-678x381.pngParliamo di gruppi sociali, più nello specifico, di gruppi di lettura! Cos’è un gruppo di lettura? Semplice: gente che si incontra nel tempo libero per discutere di libri, penserete. Ma in realtà dietro questa definizione minimalista c’è tutto un mondo da scoprire.

Non è ancora ben chiaro quali siano le origini di questo poco conosciuto aggregante sociale, tuttavia il dove e il quando diventa irrilevante di fronte all’allettante possibilità di sgranocchiare dolcetti in allegra compagnia, con un bel libro da raccontare tra le mani. Infatti se volete un hobby che non vi costringa a sudare, che non sia dispendioso economicamente, che vi dia la scusa per mangiare dolci e sorseggiare the, e che vi permetta di condividere la vostra passione per la lettura, bè, questo impegno potrebbe diventare per voi un rifugio felice nel quale trovare un po’ di sollievo dalla solita stressante routine. Allora da dove iniziare? Prima di tutto, se conoscete molte persone che come voi amano leggere, potete partire proprio da loro e creare il vostro gruppo. Se invece non vi viene in mente proprio nessuno a cui possa piacere questo genere di attività, tranquilli, ci sono i social! Infatti su Facebook basta cercarli con l’acronimo GdL per avere a disposizione un elenco assortito con tante città di riferimento tra cui scegliere. Ed ecco un altro lato positivo: vi siete fatti nuovi amici!
Ok, una volta scelto o creato il vostro gruppo di lettura, ecco cosa dovete fare:

  •  scegliete un luogo dove incontrarvi; potrà essere un accogliente salotto di casa, oppure una biblioteca, o anche (se il tempo lo permette) un gazebo in un parco. Dopodiché bisogna stabilire delle semplici regole che favoriscono la condivisione e il dialogo, come ad esempio il rispetto dei reciproci tempi di lettura, tempi di esposizione, idee politiche, religiose ecc. ecc. Tutto questo per favorire il confronto evitando però le baruffe, le tirate di capelli e cose simili.
  •  stabilite le linee guida per il quieto vivere, bisogna scegliere il libro da mettere in esame: questo significa che una qualsiasi persona del gruppo può proporre un libro e dovrà esporre agli altri tutti i buoni motivi per cui l’ha scelto come libro del mese.
  • scegliere insieme un tema comune (esempio: violenza domestica, amicizia uomo donna, disoccupazione e così via), e individualmente leggere un libro che riguardi quel tema. Il lasso di tempo che si ha a disposizione per finire il libro è di solito un mese, ma ovviamente si dovrà stabilire all’unanimità anche questo.
  • Ultima cosa, tuttavia importante, non dimentichiamo le leccornie! E quindi far sì che ad ogni incontro ci sia sempre qualcosa di goloso che stuzzichi il palato, magari dei biscotti o dei pasticcini che si possano accompagnare ad una bevanda calda. Non sottovalutiamo questo aspetto perché spesso il cibo aiuta le persone a sentirsi a proprio agio e le invoglia al dialogo, è per definizione un aggregante sociale forte.

Vi sorprenderà scoprire come tutto questo, se fatto per bene, permetterà alle persone di sciogliersi e magari di raccontare le proprie esperienze personali, oltre che le proprie idee ed emozioni. Sarà un’esperienza che vi arricchirà dal punto di vista culturale e sociale. Perciò cosa state aspettando? Provate e scriveteci le vostre esperienze.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...