Aumentano le pubblicazioni di libri ma calano i lettori!!!

Cari amici Lettori,

finalmente anche io pubblico il mio primo articolo dell’anno. Ammetto che ultimamente sono stata impegnata tra pannettoni, cene, giocate a carte e cura della famiglia, riducendo notevolmente il tempo per leggere e da dedicare a voi. Ma come dice il detto “l’epifania tutte le feste porta via!” e con la ripresa della quotidianità eccomi qua. Sono rimasta colpita, in questi giorni, dagli ultimi dati Istat sulla stampa dei libri in Italia. I dati forniti ci rivelano che in Italia la pubblicazione dei libri è aumentata notevolmente, ma le suddette pubblicazioni  riguardano soprattutto i grandi editori, difatti come scrive il sito ufficiale Istat.it:

Dei 1.459 editori attivi nel 2017, quasi l’85% pubblica non più di 50 titoli all’anno. Oltre la metà (54%) sono “piccoli” editori, con un massimo di 10 opere in un anno, e il 31% sono “medi” editori, che producono da 11 a 50 opere in un anno.

I “grandi” editori, con oltre 50 opere all’anno, rappresentano il 15,1% degli operatori attivi nel settore. Pubblicano più dell’80% dei titoli sul mercato e circa il 90% delle copie stampate.

Oltre la metà degli editori attivi ha sede nel Nord del Paese; la città di Milano da sola ospita più di un quarto dei grandi marchi.

Nel 2017 si rileva un netto segnale di ripresa della produzione editoriale: rispetto all’anno precedente i titoli pubblicati aumentano del 9,3% e le copie stampate del 14,5%.

La ripresa, tuttavia, sembra aver interessato esclusivamente i grandi marchi (+12,6 per i titoli e +19,2% per le tirature) mentre per i piccoli e ancor più per i medi editori si sono riscontrate flessioni.

Ma i dati riguardano anche l’editoria on line con i nuovi canali di lettura chiamati e-book, anche su questo il sito ufficiale dell’Istat ci dice che:

Le librerie indipendenti e gli store online sono considerati dagli editori i canali di distribuzione su cui puntare per espandere domanda e pubblico dei lettori.

Continua a crescere il mercato digitale: circa 27 mila titoli (oltre il 38% dei libri pubblicati nel 2017) sono disponibili anche in formato e-book; la quota supera il 70% per i libri scolastici.

Ora cari lettori vorrei porvi una domanda: Secondo voi com’è possibile che ci sia più pubblicazione mentre è in calo la lettura? Come vi ho già detto in uno dei miei articolo i lettori diminuiscono anno dopo anno e la causa non è rappresentata da costi eccessivi sui libri bensì da una mancanza di passione. Disaffezione che colpisce maggiormente il sud, che registra meno lettori rispetto le regioni del nord.

lettura4
Attendendo i vostri commenti vi do appuntamento al prossimo articolo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...